lunedì 26 giugno 2017

Voglia di trasferirsi (e lavorare) a Cuba

Ogni tanto ricevo ancora qualche richiesta di suggerimento per trasferirsi a Cuba a scopo di lavoro. Qualche anno fa avevo pubblicato alcuni chiarimenti in merito che ritengo opportuno riassumere per ricordare i problemi esistenti in questo campo.
In primo luogo, un trasferimento a Cuba per motivi di lavoro comporta l’apertura di un’attività, ritenuta utile al Paese, con conseguente investimento che comporta somme notevoli. In questo caso l’imprenditore può inviare a Cuba in sua rappresentanza personale amministrativo o operativo di sua fiducia. Pertanto è possibile, avendo conoscenza e fortuna, farsi assumere in Italia (o altro Paese estero) dall’imprenditore per lavorare a Cuba. Questo “status” da diritto alla residenza temporanea che ha la durata del contratto di lavoro e che è prorogata ogni anno. Per avere una residenza permanente che da la possibilità (molto teorica) di lavorare in un’azienda cubana o svolgere lavori per conto proprio, normalmente bisogna avere un coniuge a Cuba o se si fosse divorziati, anche uno o più figli di madre o padre cubano e residenti nel Paese. Esistono anche altre possibilità per “ragioni umanitarie” che vengono valutate, caso per caso e che non credo facciano parte della casistica di persone in età lavorativa, almeno generalmente.

Bisogna tener presente che lavorare a Cuba, come residente permanente, comporta un tenore di vita sensibilmente inferiore a quello che si ha nei Paesi industrializzati e comporta limitazioni materiali di cui il turista non ne risente, a meno che non si abbia un’altra fonte di reddito esterno o si apporti un capitale per avviare un lavoro autonomo che abbia un buon ritorno economico.

2 commenti:

  1. ciao Aldo è un pò che non ci sentiamo anche se ti seguo sempre nonostante i tuoi ritmi dovuti come tu dici varie volte alla lentezza del discorso internet...sono Mario di firenze.....bel post...pieno di esperienza...e utile per me ( è sembre bene ribadire i concetti in maniera chiara senza sogni).........

    RispondiElimina
  2. Ciao Mario, ti ringrazio per la fedeltà. Dovrò premiarti con una bambolina di pezza raffigurante una mulatta con cesto di frutta in testa…Scherzi a parte mi fa piacere averti sempre in contatto. Oggi ho aperto (e chiuso) internet con una (ehem) velocità di 8,4kbps, poi 12 e qualcosa e quindi 17 e tanto. Poi più volte con 36/37, ma si interrompeva prima di aprire la pagina. Finalmente, con 36, sembra che riesca a rispondere…avendo preparato il testo in word.

    RispondiElimina