domenica 30 luglio 2017

Per chi non lo sapesse o gli sia sfuggito...

Come già annunciato la Editorial Circulorojo ha pubblicato nella sua  Collana “Storia”, su diverse piattaforme web, il mio libro “Rinascita del turismo a Cuba ì Visto da un italiano” nella sua collana di Storia, sia nella versione italiana che spagnola.







Una raccolta di memorie nella quale non tutto è tutti sono stati menzionati o ricordati  il tempo, si sa, è tiranno e i ricordi affiorano e svaniscono.
Penso che comunque sia una testimonianza di prima mano di chi ha visto rinascere e fiorire il “nuovo” turismo a Cuba anche se spesso, purtroppo, nasconde aspetti poco edificanti o è stato fonte di matrimoni misti in molti casi, per fortuna non tutti, naufragati miseramente.
Oggi il turismo è una voce importantissima nell’economia cubana, forse la prima o lo sta per diventare. Strutture e servizi, statali, cooperativi e privati, aumentano giorno dopo giorno aumentando per capacità e qualità.
Direi che è importante sottolineare anche la presenza di un turismo nazionale che fino a pochi anni fa era praticamente inesistente o di nicchia. Oggi i cubani possono usufruire di tutte le strutture, senza limitazioni e anche di acquisire, se vogliono e possono, “pacchetti” di viaggio all’estero.
Con la presidenza di Obama negli Stati Uniti, si annunciava una nuova era negli interscambi fra i due Paesi, al di la delle intenzioni reali, oggi Trump ha messo un freno particolarmente nella mobilità dei cittadini statunitensi intenzionati a visitare Cuba. Per fortuna i Trump passano e speriamo magari prima del previsto.
Ad ogni modo il turismo continua ad aumentare con visitatori da ogni parte del mondo. Le linee aeree aprono nuove rotte e si sommano alla destinazione Cuba. Sono cadute molte barriere ideologiche e strutturali che impedivano di ampliare questo settore, vitale per i Paesi dei Caraibi. Quello che mi meraviglia, o non sono informato, è l’assenza di programmi multi destino, crociere a parte. Chissà se qualche operatore turistico con la vista un po’ più lunga del normale ci provi.


Nessun commento:

Posta un commento